StatCounter

giovedì 10 agosto 2017

Pigliando spunto da quanto accade a Pizzillo da due anni, dove non arriva l'acqua potabile, scopriamo che i diritti inalienabili ...

Servizi Pubblici
Finora abbiamo provato a trattare sul Blog la vicenda dell'acqua che non arriva a Pizzillo (borgo ex-Eras di Contessa Entellina)  in termini giuridici, in termini di diritti non soddisfatti da parte di chi deve e non lo fa, o non è in grado di farlo. Abbiamo confidato che l'Amministrazione Comunale si animasse di spirito di buona volontà e risolvesse il problema. Problema che compete solamente ad essa e a nessun altro organismo o ente. Gli compete in termini di tempi ordinari, accettabili dagli utenti e dal buon senso concesso dalla cittadinanza.
I disaggi idrici possono
protrarsi per due anni ?
Un nostro amico ci ha evidenziato che "non trattandosi di angeli, né di misteri da esplorare, né di miracoli in cui sperare la responsabilità tecnica, funzionale e pure politica compete al Comune di Contessa Entellina". Non esistono altri interlocutori che si posizionino fra utenti e Pubblica Amministrazione.

Nel precedente intervento sul Blog abbiamo evidenziato che l'enigma (enigma può definirsi ?) è di facile, facilissima soluzione.
1) Si tratta di un guasto alla rete (condotta idrica) ?
Siccome viviamo in un tempo fortunato, il 2017 dopo Cristo, un amico tecnico ci ha ancora segnalato che bastano poche ore, di una mezza giornata, per individuarlo. Due anni di disaggi alla comunità sono davvero tanti. Fuori luogo e incredibilmente lunghi.
2) Se di guasto non si tratta allora non rimane che una unica ed esclusiva conclusione: la gestione -ossia la conduzione (il governo)- della rete è assolutamente inefficace oltre che scadente sul piano organizzativo. Va individuato il criterio gestionale appropriato che consenta l'equa distribuzione del liquido a tutti gli utenti. Per modificare il criterio efficace non servono nè ingegneri, nè economisti nè professoroni. Basta un uomo con sensibilità umana.
Dopo 70 anni di Costituzione Repubblicana
l'acqua è divenuto un lusso ?
E' ovvio che qualche informazione su questa paludosa situazione l'abbiamo assunta in questi giorni.  
a) per una settimana, all'inizio di giugno 2017, l'acqua a Pizzillo è arrivata con regolarità. Stranamente è arrivata -contestualmente- pure a Piano Cavaliere e a Roccella. Senza che qualcuno abbia subito sacrifici. 
b) il sindaco aveva promesso, dopo una simbolica protesta della comunità Trinità della Pace e dei suoi simpatizzanti, che avrebbe garantito l'assegnazione di due autobotti settimanali di acqua a Pizzillo. Così non è accaduto. Dall'impegno assunto all'esecuzione di esso è stata intaccata conseguentemente la credibilità della Pubblica Amministrazione. 
La comunità di Pizzillo ad oggi si affiida ad interventi propri e alla solidarietà privata. 
c) cosa è accaduto -viene spontaneo chiedere- dalla regolarità di somministrazione della prima settimana di giugno alla crisi successiva, che peraltro ricalca la crisi del biennio precedente ?
Non è certamente da tirare in discussione l'arrivo del caldo. Questo argomento implicherebbe immediatamente infatti la mancata applicazione del modello gestionale che preveda l'equa distribuzione dei sacrifici a Cozzo Finocchio, Piano Cavaliere, Roccella e Pizzillo.
Precedenti amministratori comunali ci hanno illustrato come essi sopperivano alle carenze estive, e ci hanno ricordato che sempre e comunque qualsiasi criticità veniva risolta in tempi "umani".
d) Perché le asserite rotture, che seguono precedenti rotture e scassi (per due anni ?), sono divenuti motivi di giustificazioni ?
Il diritto dei cittadini (diritto all'acqua) non può pagare l'inefficienza e le carenze di chi non riesce a raccapezzarsi nella buona gestione (.. per due anni).    

Queste sono le informazioni e le ricostruzioni che siamo riusciti a mettere su. Sono ineccepibili ? 
Non abbiamo molto ad oggi scandagliato sugli abituali "guasti" e sui motivi delle mancate consegne bisettimanali delle forniture di acque "promesse" mediante autobotte.

Saremmo comunque lieti di ospitare correzioni e/o integrazioni.

Note aggiuntive
* Che le assegnazioni settimanali di autobotti sarebbero state due il sindaco l'ha riferito personalmente all'autore del presente testo. 
* In queste ore circola notizia che è stato individuato un guasto alla condotta, prodotto da una frana. Nessuno ci conferma, tuttavia che da giugno in poi siano avvenute, sul territorio di Contessa, frane.