StatCounter

venerdì 14 aprile 2017

Pasqua. Non sempre abbiamo provato a capire i riti pre-pasquali e pasquali (5)

Il presente testo ricalca in libera traduzione dall'inglese
A LITURGICAL EXPLANATION OF HOLY WEEK 
The Very Rev. Alexander Schmemann 

IL GRANDE E SANTO VENERDI'

Venerdì: La Croce

Dalla luce del Giovedi Santo si passa nelle tenebre del Venerdì, il giorno della passione, morte e sepoltura di Cristo. Nella Chiesa delle origini questa giornata era chiamata "Pasqua dell'Attraversamento" perché essa è davvero l'inizio di quella Pasqua o passaggio il cui significato sarà gradualmente rivelato a noi, in primo luogo, nella splendida quiete del Grande e del Beato Sabato, e, poi, nella gioia del giorno della Resurrezione.
Anzitutto l'Oscurità. Se solo potessimo renderci conto che il Venerdì Santo è buio, non solo simbolico e commemorativo. Spesso ci soffermiamo sulla bellezza, solennità e tristezza delle ufficiature nello spirito di corretta-giustizia e di auto-giustificazione.
Due mila anni fa, gli uomini iniqui uccisero Cristo, ma oggi abbiamo - il buon popolo cristiano -che erige sontuose tombe nelle Chiese - non è questo il segno della nostra bontà?

Ancora, le ricorrenze del venerdì non riguardano solo il passato. E 'il giorno del Peccato, il giorno del Male, il giorno in cui la Chiesa invita a prendere atto della terribile realtà e del potere di "questo mondo".
Il peccato e il male non sono scomparsi, ma, al contrario, costituiscono ancora la legge fondamentale del mondo e della nostra vita. E noi che ci diciamo cristiani, non facciamo nostra la logica del male che ha portato gli ebrei del Sinedrio e Ponzio Pilato, il soldato romano e tutta la folla a odiare, torturare e uccidere Cristo?
Da che parte, se fossimo stati presenti, se fossimo vissuti a Gerusalemme sotto Pilato, ci saremmo schierati ? Questa è la domanda rivolta a noi in ogni versetto dell'ufficiatura del Venerdì Santo. Esso é, infatti, il giorno di questo mondo, in esso è la reale e non simbolica condanna e il vero e non rituale giudizio sulla nostra la vita ...
E 'la rivelazione della vera natura del mondo che ha preferito allora, ed ancora oggi preferisce, le tenebre al posto della luce, il male al posto del bene, la morte in luogo della vita.
Dopo aver condannato a morte Cristo, "Questo mondo" si è condannato a morte e nella misura in cui accettiamo il suo spirito, il suo peccato, il tradimento di Dio - siamo pure condannati ...
Tale è il primo e terribilmente realistico significato del Venerdì Santo - una condanna a morte ...

Il giorno della redenzione
Ma questo giorno espressione del Male, della sua manifestazione finale e del suo trionfo, è anche il giorno della Redenzione. La morte di Cristo si manifesta come morte salvifica per noi e per la nostra salvezza. Si tratta di una morte salvifica, perché è il sacrificio completo, perfetto e supremo. Cristo offre la sua morte al padre suo e offre la sua morte a noi. A suo padre perché, come vedremo, non c'è altro modo per distruggere la morte, per salvare gli uomini da essa, ed è nella volontà del Padre che gli uomini siano salvati dalla morte. Per noi, perché in verità Cristo muore al posto nostro. La morte è il frutto naturale del peccato, una punizione immanente. L'uomo ha scelto di alienarsi da Dio, ma egli non ha la vita in se stesso e pertanto da se stesso egli muore. Tuttavia non c'è peccato e, di conseguenza, non c'è morte in Cristo. Egli accetta di morire solo per amore nei nostri confronti. Egli vuole assumere e condividere la nostra condizione umana fino alla fine. Accetta la punizione prevista dalla nostra natura, avendo assunto tutto il peso della condizione umana.
Muore essendosi perfettamente identificato con noi, avendo assunto su di sé la tragedia della vita umana.
La sua morte è l'ultima rivelazione della sua compassione e del suo amore. La sua morte è l'amore, la compassione e la co-sofferenza, e nella sua morte la natura stessa della morte è cambiata. Da punizione diventa atto radiante di amore e di perdono, la fine dell'alienazione e della solitudine. La condanna è trasformata in perdono ...

La sconfitta della Morte
La sua morte è una morte economica perché finalizzata a distruggere la fonte stessa della morte: il male. Accettando per amore, donandosi ai suoi persecutori e offrendo loro l'apparente vittoria, Cristo rivela che, in realtà, la vittoria è l'assoluta e decisiva sconfitta del Male. Per poter essere vittorioso il male deve annientare il Buono, deve dimostrare di essere in sé la verità ultima della vita, screditare il Bene e, in una parola, mostrare la propria superiorità. Ma in tutta la passione è Cristo, solo Lui, che trionfa.
Il male non può fare nulla contro di Lui, perché non può imporre a Cristo di accettare il male in quanto verità. L'ipocrisia si rivela ipocrisia, l'omicidio si rivela Omicidio, la paura si rivela paura, e siccome Cristo si muove silenziosamente verso la Croce e verso la Fine, allo stesso modo la tragedia umana raggiunge il culmine.
Il suo trionfo e la vittoria sul male, la sua glorificazione diventano sempre più evidenti. E via via la vittoria viene riconosciuta, confessata, proclamata - dalla moglie di Pilato, da Joseph, dal ladro crocifisso, dal centurione.
Quando Egli muore sulla Croce avendo accettato l'orrore finale della morte, la solitudine assoluta (Mio Dio, mio Dio, perché mi hai abbandonato !?), non c'è altro che ammettere che "questo è stato veramente il Figlio di Dio! ..." e, quindi, è proprio questa morte, quest'Amore, questa obbedienza, questa pienezza di Vita che distrugge ciò che ha reso la morte destino universale. "E le tombe sono state aperte ..." (Mt 27:52).
Già i raggi della risurrezione appaiono. Tale è il doppio mistero del Venerdì Santo, e delle Ufficiature che lo rivelano e ci fanno partecipi.
Da una parte, c'è la costante enfasi sulla passione di Cristo, peccato di tutti i peccati, crimine di tutti i crimini.
--Nel corso Orthros le dodici letture della Passione ci fanno seguire passo passo le sofferenze di Cristo,
--nell'Ufficio delle Ore (che sostituiscono la Divina Liturgia: per l'interdizione a celebrare l'Eucaristia in questo giorno significa che il sacramento della presenza di Cristo non appartiene al "mondo" al peccato e all'oscurità, ma è il sacramento del "mondo a venire") e, infine,
--ai Vespri, l'Ufficiatura di sepoltura di Cristo, gli inni e letture sono pieni di accuse solenni nei confronti di chi volontariamente e deliberatamente ha deciso di uccidere Cristo, giustificando questo omicidio con la loro religione, la loro lealtà politica, le loro considerazioni pratiche e la loro obbedienza professionale.

Ma, d'altra parte, il sacrificio d'amore che prepara la vittoria finale è anche presentato fin dall'inizio.
--Dalla prima lettura del Vangelo (Gv 13,31), che inizia con la solenne annuncio di Cristo: "Ora il Figlio dell'uomo è stato glorificato e in Lui Dio è glorificato"
--al Stichera alla fine dei Vespri - c'è l'aumento della luce, la lenta crescita della speranza e la certezza che "la morte calpesterà la morte ..."
"L'inferno rabbrividì quando vide Te, il Redentore di tutti coloro che furono posti nella tomba. I legami furono rotti; le porte furono fracassate! le tombe sono state aperte; i morti risorti. Adamo pianse di gioia e di gratitudine. Gloria alla tua condiscendenza, O Amante dell'uomo!”
E quando, alla fine dei Vespri, viene posta al centro della Chiesa l'immagine di Cristo nella tomba, quando questa lunga giornata arriva alla sua fine, sappiamo anche che siamo alla fine della lunga storia della salvezza e della redenzione.
Il settimo giorno, il giorno del riposo, il beato Sabato arriva e con esso la rivelazione della Tomba Vivificante.